Wednesday, July 24
Shadow

Sesso con Rika, la ragazza dolce e carina

Storia di sesso godendosi le leccate di Rika, la ragazza carina, Una volta che ho incontrato una donna il cui nome era Rika, le ho chiesto, a quanto pare era una ragazza giavanese, una ragazza socievole e con cui era facile chiacchierare, se le avessi chiesto cosa, avrebbe sicuramente in grado di rispondere come se fosse una persona che ha molta conoscenza, e dopo aver chiacchierato si è scoperto che anche Rika voleva andare a Bandung dove vivo anch’io.

Da lì, poiché la distanza era abbastanza vicina per me, ci siamo finalmente promessi di incontrarci nella zona K di Giakarta. Da quell’incontro ho conosciuto meglio Rika. Rika studia in una delle principali università della sua città.
Rika è fisicamente normale. La sua statura corporea è alta circa 160 cm. Il corpo del gambero è leggermente piegato e ha il pelo lungo e fluente. Ma c’è qualcosa di interessante nel suo aspetto, nelle sue tette! Le sue tette sembrano uniche e stimolanti. Ho appena ingoiato la saliva quando ho accidentalmente sbirciato la parte montuosa.
Rika mi ha chiesto di nominarla “fratellino”, mentre lei mi ha nominato “fratello”! Perché ha detto che Rika non ha un fratello maggiore. Sono semplicemente d’accordo.
Nel secondo e nei successivi incontri siamo diventati più “aperti”. Mi è stato anche “permesso” di tenere in mano le sue tette uniche. È solo che ha detto “bastardo, fratello cattivo!!” Ho semplicemente sorriso…
Se dici questo, a volte sono ancora più coraggioso. Le mie mani si sono avventurate nella sua zona proibita….
Una settimana fa sono andato a trovarlo in zona P. Anche se stavo guidando la mia moto scassata, sono arrivato a casa sua dopo aver camminato per diverse ore da casa mia.
Ho visto una grande gioia quando ha saputo che ero venuto. Sono passati due mesi dall’ultima volta che sono andato a casa sua a giocare. a quanto pare le era già mancato… Quando aprì la porta, Rika indossava una vestaglia bianca,
Si può vedere abbastanza chiaramente, la papaia unica che fa capolino da dietro la sua gabbia. Rika mi ha invitato a sedermi e si è girata un attimo in cucina per poi tornare di nuovo per portarmi un bicchiere di bibita fresca.
Dopo aver chiacchierato, ci addormentiamo. Rika appoggiò il viso al mio petto…
Ho salutato con calma. Perché il mio obiettivo è cercare di realizzare con lui il mio desiderio di vecchia data. Abbassai il viso per raggiungerlo. L’ho baciato. L’ho tracciato con le labbra.
Dalla sua fronte, i miei baci scendevano regolarmente sulle sue folte sopracciglia nere, sul suo naso e su fino alle sue labbra. I nostri baci diventarono sempre più appassionati, due lingue intrecciate seguite da sussulti sempre più intensi.
Le mie mani, che la abbracciavano per la schiena, cominciarono ad allargarsi in avanti, lentamente, verso i suoi seni che erano piuttosto grandi e unici. Unico perché la forma dei suoi seni è allungata e larga, simile ad un frutto di papaia.
Mia “sorella” è intelligente e ha scelto anche un vestito con bottoni sul davanti e solo 4 pezzi, è facile per le mie mani aprirlo senza dover guardare. Non molto tempo dopo, le mie mani abbastanza esperte riuscirono a slacciare con successo il gancio del mio reggiseno.
Le due colline gemelle con le loro cime bruno-rossastre risaltano magnificamente. La vestaglia e il reggiseno furono immediatamente gettati a terra.
Nel frattempo Rika era riuscita anche a sbottonarmi i jeans, poi aveva provato a togliermi la maglietta che indossavo. Tenevo d’occhio Rika perché non mi abbassasse i jeans. Non è niente, questo è il noleggio del computer, giusto? Eheheh…
Tolsi il bacio dalle sue labbra, lo allargai al suo orecchio, poi emisi un lieve gemito. sorrise e mi guardò mentre continuava il suo vagabondare alla ricerca della “mia arma”.
Continuavo i miei baci sul suo collo, giù fino al petto, poi molto lentamente, con la lingua, salivo quella bella collina fino in cima.
Kujilati e io le succhiamo i capezzoli che sono già appuntiti. Rika iniziò a sospirare e a balbettare in modo incoerente. Potevo vedere i suoi occhi chiusi e le sue bellissime labbra rosse leggermente socchiuse. Che stimolante.
Le mie mani accarezzavano, stringevano e contorcevano i capezzoli in cima all’altra collina. Non voglio avere fretta, voglio godermi questi bellissimi momenti con calma. Passare da una parte all’altra, scandito da un altro bacio sulle labbra, lo fece iniziare a sudare.
Le sue mani mi arruffavano i capelli sempre più selvaggiamente, a volte addirittura li tiravano, il che rendeva la mia lussuria ancora più furiosa. Inoltre, quella voce balbettante…
Sdraiata su un fianco, l’una di fronte all’altra, le ho tolto le mutandine. L’unico tessuto rimasto. Lo stesso trattamento che ho ricevuto da lei, Rika mi ha tolto i jeans. Non ho rifiutato, perché volevo finire tutto. Rika ha scosso con entusiasmo il mio cazzo, rendendolo ancora più duro e sollevandolo vigorosamente.
Le accarezzavo le gambe fin dove potevano arrivare le mie mani, spostandomi lentamente fino alle cosce. Girava intorno, muovendosi da sinistra a destra, e di tanto in tanto sembrava toccare accidentalmente un tumulo peloso che non era troppo denso ma era ben mantenuto.
Nel frattempo Rika apparentemente non poteva aspettare, mi ha accarezzato e afferrato il cazzo, muovendo la mano avanti e indietro. Molto piacevole. Anche se da quando ho incontrato Rika mi sono sentito spesso così durante i nostri appuntamenti selvaggi, questa volta è stato diverso. I miei pensieri e la mia concentrazione non sono più divisi.
Attraverso l’interno della sua coscia, la mia mano si spostò lentamente verso i suoi genitali. Non appena fu toccato, il suo respiro divenne più forte e irregolare. Gli accarezzai lentamente i peli pubici, poi il mio dito medio iniziò a raggiungere il centro.
Ho accarezzato e fatto roteare il rigonfiamento di carne delle dimensioni di una nocciolina che era già molto scivoloso e bagnato. Il corpo di Rika cominciò a oscillare, i suoi fianchi si muovevano da sinistra a destra, anche su e giù. I suoi sudori escono più intensamente dal suo corpo profumato.
I suoi baci divennero più feroci e iniziarono a mordermi la lingua che era ancora nella sua bocca. Intanto le sue mani giocavano sempre più ferocemente sui miei genitali, andando avanti e indietro velocemente. Il suo corpo si contrasse e si inarcò, poi cadde sul letto con un lungo gemito.

Leggi anche: Sentirsi pervertito con una ragazza vergine che è bohay e ancora stretta 

Sono riuscito a dargli il primo orgasmo. Mi abbracciò forte mentre sussurrava: “Ohhh, è così delizioso. Grazie Tesoro.”
Non voglio riposarmi a lungo. Immediatamente ho premuto il suo corpo, poi l’ho baciato lentamente dalla fronte, in basso, in basso e fino in fondo. Il suo sussulto si udì nuovamente accompagnato da un lungo gemito non appena la mia lingua cominciò a sondare la sua femminilità. I suoi succhi vaginali combinati con la mia saliva rendevano il buco caldo ancora più umido.
Giocavo con il suo clitoride con la lingua, mentre le mie mani stringevano le sue natiche sode. Le sue mani tornarono ad arruffarmi i capelli, e di tanto in tanto le sue unghie non troppo lunghe affondavano nella mia testa. È doloroso ma è delizioso.
La sua testa si sollevò e poi sbatté di nuovo sul cuscino per sopportare l’immenso piacere. Il suo stomaco sembrava alzarsi e abbassarsi rapidamente, mentre le sue gambe mi abbracciavano forte.
Pochi istanti dopo, mi tirò la testa e poi mi baciò appassionatamente. Lo guardai profondamente negli occhi mentre chiedevo in cuor mio il permesso di far entrare la mia eredità nella sua tana del piacere. Senza parole, ma a quanto pare è arrivato. Sorridendo molto dolcemente, annuì con la testa.
Lentamente, con la mano ho guidato il mio cazzo verso la sua femminilità. L’ho strofinato un po’, poi, molto lentamente, l’ho premuto e spinto dentro. Sembrava davvero che l’area proibita fosse bagnata e stesse rilasciando molto fluido. Ho spinto lentamente… e mi sentivo come se qualcuno stesse tenendo in mano il mio bastone storico.
Oh…! Apparentemente Rika è ancora vergine. L’ho visto sussultare, forse per il dolore, la sua mano ha inaspettatamente spinto la mia spalla in modo che il mio corpo fosse spinto verso il basso. Ho visto le lacrime formarsi agli angoli dei suoi occhi. Non lo posso sopportare, mi dispiace! L’ho abbracciato e baciato. La mia lussuria è scomparsa proprio in quel momento.
Rika sapeva che ero delusa. Ecco perché mi ha abbracciato velocemente. e all’improvviso, con ferocia, ha schiacciato e masticato la mia arma che stava iniziando ad allentarsi.
“Argh…” sibilai…! Si scopre che la cannuccia dopo la cannuccia di Rika porta un piacere straordinario…
Ho semplicemente lasciato perdere quello che ha fatto Rika. Ho visto Rika divorare e succhiare avidamente il mio cazzo che era diventato di nuovo più grande e molto duro. Prelibatezza incomparabile. Ma ho trovato difficile eseguire un orale su di lui in una posizione come questa. Allora gli ho chiesto di sdraiarsi sul letto sulla schiena, gli sono salito sopra, sempre in posizione capovolta.
Ho fatto la stessa cosa diverse volte in passato, ma la sensazione che ne risulta è molto diversa. Sono quasi crollato, accettando le leccate e le carezze della sua lingua calda e ruvida.
Soprattutto se si metteva il mio pene in bocca come se volesse ingoiarlo, poi borbottava. Le vibrazioni delle sue corde vocali sembravano solleticare la punta del mio cazzo. Non è uno scherzo quanto sia delizioso.
La larva calda era quasi insopportabile, le ho fatto cenno di interrompere la sua emulazione…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *