Wednesday, July 24
Shadow

Massaggio da parte di una cameriera che termina con una relazione intima

Sono padre di 2 ragazzi di 9 e 4 anni. Mia moglie lavora come direttrice in un’azienda privata. La mia vita familiare è armoniosa e felice, la mia vita sessuale con mia moglie non ha alcun ostacolo.

Abbiamo una domestica, si chiama Venny, ha circa 23 anni, non è ancora sposata ed è ancora innocente perché l’abbiamo presa direttamente dal suo villaggio a East Java. Il suo viso è normale, né bello né brutto, la sua pelle è pulita e bianca, il suo corpo è piccolo, alto circa 155 cm, non grasso ma molto ideale con la postura del suo corpo, anche i suoi seni non sono grandi, solo le dimensioni di un riso Pollo fritto del Kentucky. Questa storia è iniziata quando tornavo a casa dal lavoro intorno alle 14:00, molto prima delle solite 19:00.

Mio figlio solitamente torna a casa con la madre alle 18:30, da casa della nonna. Come al solito, mi sono subito messa il mio pareo preferito, sottile ma cool, senza mutandine. Quando lasciai la stanza, Venny mi stava preparando da bere, un grande bicchiere di tè freddo dolce. Proprio mentre stava per darmelo, all’improvviso inciampò nel tappeto davanti al divano dove ero seduto a leggere il giornale, il bicchiere mi fu lanciato al posto e mi cadde in grembo, colpendo forte la testa sui miei genitali che erano solo leggermente rivestiti.

Feci spontaneamente una smorfia di dolore con il corpo bagnato di tè freddo dolce. Si alzò per pulire il bicchiere caduto implorando incessantemente perdono. All’inizio stavo per arrabbiarmi, ma vedendo il suo viso innocente mi è dispiaciuto, mentre mi tenevo i genitali ho detto: “Non importa, va bene, è solo che mi fa male”, indicando i miei genitali. “Ven, cosa dovrei fare, signore?” chiese innocentemente. Mi sono alzato mentre mi mettevo una maglietta e ho detto con nonchalance: “Questa cosa deve essere sistemata!” “Sì, signore, sistemerò la cosa più tardi, ma Ven pulisca prima questo, signore!” ha risposto.

Sono entrato immediatamente nella stanza, i miei sentimenti in quel momento erano scioccati e felici, perché ho sentito la risposta inaspettata della mia cameriera. Non molto tempo dopo, bussò alla porta: “Signore, dove ha fatto il massaggio a Ven?”. Caddi immediatamente e aprii il mio sarong sottile, con i genitali ancora pendenti. Venny si avvicinò al bordo del letto e si sedette. “Usate remason o balsamo, signore?” chiese. “Non… usare solo le mani, farà caldo!” Ho risposto. Poi ha afferrato il mio cazzo lentamente, all’improvviso il mio cazzo si è mosso con tensione quando l’ha afferrato. “Signore, come mai è così grande?” chiese sorpreso. “Wow, il gonfiore deve essere risolto rapidamente. Mettici solo un po’ di sputo perché non si trascini,” dissi un po’ teso. Con calma il suo viso si è avvicinato al mio cazzo, mi ha sputato sulla punta. “Ah… non molto,” sussurrai lussuriosa. Poi ho sollevato il culo, finché la punta del mio cazzo non ha toccato le sue labbra: “Mettitelo in bocca, così non ti stanchi di massaggiarlo, ed esce velocemente e si gonfia!” Ho ordinato come volevo.

Piano piano ha inserito il mio cazzo, io ho guidato la sua testa su e giù, all’inizio il mio cazzo continuava a sbattere i suoi denti, ma dopo un po’ probabilmente si è abituato al ritmo e alle mie spinte. Mi sento davvero bene. “Ah.. uh.. uh.. ah..” I suoi baci diventavano sempre più deliziosi, quando stavo per uscire gli ho detto: “Beh, quando esco non sputarlo, inghiottilo e basta, perché è una medicina per la salute, ti fa molto bene”, sussurrai. “Hepp.. um.. HPp”, rispose guardandomi e continuando a strofinarmi il muso su e giù. Alla fine ho spruzzato tutto il mio sperma. “Akh.. akh.. akh.. Ven.. Ven.. delizioso..” Quando ho spruzzato il mio sperma, non si è mosso, il suo viso ha fatto una smorfia sentendo il liquido estraneo bagnargli la gola, ero l’unico a guidarlo la testa per non lasciargli andare la bocca. Dopo che mi sono afflosciato, ha lasciato andare le setole: “È fatto, signore? Fa ancora male, signore?” chiese innocentemente, con un’espressione pietosa, le sue labbra umide erano rosse ed era un po’ sudato.

Sono rimasto sbalordito nel vedere Ven che era così eccitato in quel momento, mi sono seduto e mi sono avvicinato a lui: “Ven, sei stanco, vuoi sapere che se ti fai massaggiare potrai essere fresco come papà adesso!” “No signore, non sono stanco, è vero signore che se lo massaggia così può rinfrescarle? chiese, sempre più curioso. Mi sono limitato a rispondere con un cenno e mentre gli prendevo la spalla gli ho baciato la fronte, poi fino alle labbra umide e rosse, lui non si è dimenato né ha risposto. Ho sentito il suo sudore freddo iniziare a uscire, quando ho iniziato a sbottonarle i vestiti uno per uno, non ha lottato per niente finché non è rimasta solo con le mutandine e il reggiseno. All’improvviso disse: “Signore, Venny è imbarazzato, signore, cosa succederà quando verrà, signore?” chiese spaventato.

Leggi Anche: Ho scopato la mia bellissima e sexy cugina finché non è rimasta incinta

“Bene, mamma, sono solo le sei, adesso sono solo le tre, quindi possiamo ancora rinfrescarci,” risposi con lussuria. Poi ho aperto tutto senza coprirlo e così ho fatto, i miei genitali hanno ripreso a rialzarsi. L’ho steso sulla sponda del letto, poi mi sono accovacciato davanti alle sue ginocchia ancora ben chiuse, “Aprilo piano, va bene, voglio solo massaggiarti,” gli ho detto rassicurante, poi ha cominciato ad aprire l’inguine, bianco, pulito e con pochissimi peli che circondano il canale femminile, tende alla calvizie. Con la mia impazienza, ho subito leccato le labbra esterne della sua femminilità, senza pietà l’ho leccato, ogni tanto infilavo la lingua, “Akh.. Signore, fa il solletico.. akh.. Ihhfh..” Il suo clitoride era bagnato, lucido, rosa. L’ho succhiato, solo per circa 5 minuti le ho schiacciato la vagina, poi lei ha urlato contorcendosi e bloccandomi la testa con le cosce e gli occhi chiusi. “Akh.. akh.. uahh..” un lungo grido fu accompagnato dal flusso di liquido dall’interno del suo buco femminile che subito leccai finché non fu pulito. “Com’è Ven, delizioso?” chiesi maliziosamente. Annuì mordendosi il labbro, i suoi occhi erano umidi, potevo dire che era ancora spaventato.

“Ora, se hai capito quanto è buono, riproviamo, non devi aver paura!” Mi sono avvicinato alle sue labbra, le ho baciato le labbra, ha iniziato a reagire, le ho toccato i piccoli seni, poi le ho succhiato i capezzoli, lei si è contorta, l’ho accarezzata a lungo, finché non si è sentita rilassata e ha iniziato a reagire in risposta alle mie accarezzandolo, il mio cazzo era già teso. Poi ho toccato il buco della sua donna che si è rivelato viscido e bagnato, non ho sprecato l’occasione, ho infilato il mio cazzo nel suo buco del piacere, lei ha lanciato un piccolo grido: “Aauu… fa male signore!”. Poi l’ho reinserito lentamente, era strettissimo: “Ahh…oof fa male signore…”. Vedendo il suo viso che faceva solo una smorfia con le labbra bagnate, ho continuato le mie spinte dicendo: “Non farà male a lungo, sarà meglio di prima, non sentire il dolore…” senza aspettare la sua reazione. ho infilato il mio cazzo dentro, anche se lei lottava dal dolore, quando il mio cazzo è stato sepolto in lei nel suo buco celeste ho visto i suoi occhi lacrimare (forse piangere) ma non ci ho pensato più, ho cominciato a dondolare tutta la mia forza. brama di Venny. Per soli 7 minuti circa non ha reagito, ma dopo ho sentito la pulsazione nella sua vagina, il calore dei suoi fluidi vaginali e un piccolo gemito dalle sue labbra.

Sapevo che stava per raggiungere l’orgasmo, quando ha iniziato a muovere il culo, come per aiutare il mio cazzo a pompare il suo corpo. Non molto tempo dopo, le sue mani avvolsero strettamente il mio collo, le sue gambe si strinsero intorno alla mia vita, le sue natiche si alzarono e abbassarono, i suoi occhi erano chiusi, le sue labbra erano morse mentre gemeva: “Signore… Signore, continui ad andare… Signore… Ven.. Vennn..Ven.. capito, signore.. ahh..” sentire gemiti del genere mi ha fatto arrapare ancora di più, l’ho pompata più velocemente e.. “Ven.. akh.. akh.. akh..” Ho spruzzato tutto il mio sperma nel suo buco femminile, mentre guardavo il suo viso inerte. Ero debole, lui era debole. “Ven, mi diverto davvero, dopo fatti una doccia, okay, poi rifai questo letto, okay!”, ordinai nel pieno del piacere che provavo. “Sì, signore,” rispose brevemente mentre si rimetteva i vestiti. Quando stava per uscire dalla stanza per fare la doccia si voltò e chiese: “Signore… se torna a casa a mezzogiorno così, chiami prima me, signore, così Ven può farsi una doccia prima, poi io posso abbi cura di te ancora”, poi uscì dalla stanza, ero ancora sbalordito da quello che aveva appena detto, mentre mi giravo verso il lenzuolo su cui c’erano macchie del sangue vergine di Ven. Attualmente Ven lavora ancora a casa mia, ogni 2 giorni prima delle mestruazioni (le sue mestruazioni sono molto regolari), torno a casa presto per fare sesso con la mia domestica, ma quasi ogni giorno la mattina verso le 5, lei ha sempre i miei genitali dentro la bocca mentre si lava in lavanderia, a quell’ora mia moglie e i miei figli non si erano ancora svegliati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *