Wednesday, July 24
Shadow

Scopando una ragazza vergine troia e voluttuosa

Quel pomeriggio, in una casa molto bella, fu vista una ragazza dai lunghi capelli fluenti e dal viso dolce aspettare l’arrivo di qualcuno. All’improvviso entrò un giovane che indossava una maglietta blu abbinata a dei jeans dello stesso colore. Si diresse verso la casa della ragazza che era impegnata seduta davanti a casa sua. La ragazza ogni tanto osservava la facciata della sua casa per vedere se la persona che stava aspettando era arrivata oppure no.
Con un dolce sorriso, la ragazza salutò il giovane che quel pomeriggio appariva ordinato, profumato e fresco.

“Ciao, caro Mas Stiffen…” mi salutò con il suo tipico discorso affettuoso.
“Ciao anche a me… tesoro,” risposi brevemente.
“Ho aspettato molto tempo”, ho continuato.

La ragazza e io sembriamo davvero intimi in ogni occasione. Sia attraverso chiamate o atteggiamenti reciproci. Proprio come quel pomeriggio, guarda caso a casa della ragazza la situazione sembrava tranquilla, lei disse che i suoi genitori sarebbero tornati a casa di suo fratello che sarebbe tornato più tardi nel pomeriggio.

Nutrendo ancora sentimenti di desiderio repressi, abbracciai teneramente la ragazza che adoravo, sussurrando parole.

“Mi manca davvero Adiet, tesoro,” le ho sussurrato all’orecchio mentre le baciavo il lobo.
“Anche tu mi manchi, caro fratello…” rispose tranquillamente.

Poi abbiamo chiacchierato per un momento, poi ho afferrato la spalla della ragazza e l’ho invitata in soggiorno. Sul divano sedevamo così vicini che potevamo sentire il respiro l’uno dell’altro, quando ci guardavamo in faccia.

“Sei molto bella questo pomeriggio, tesoro…” dissi dolcemente.

Mentre le mie mani stringevano entrambe le sue mani e poi continuavo ad avvicinare il suo corpo. La ragazza non ha risposto, è semplicemente arrossita, cosa che ha espresso abbracciandomi forte. Le mie mani allora presero entrambe le sue guance e presto le mie labbra baciarono le sue labbra che erano leggermente aperte e la loro forma era matura, mentre lui chiudeva gli occhi.

La mia lingua giocava nella cavità della sua bocca per procurargli una sensazione che lo fece sospirare un attimo dopo. Dietro la sua schiena le mie dita entrarono delicatamente nella sua maglietta bianca e cercarono di sganciarle il reggiseno da dietro la schiena. Con due movimenti si aprì il gancetto del suo reggiseno nero di misura 36b.

Le mie dita accarezzarono immediatamente i bordi dei suoi seni che erano così elastici e voluttuosi. E non molto tempo dopo le mie dita le torcevano i capezzoli che cominciavano a diventare duri, cosa che lei sembrava godere ed era già eccitata accompagnata dai suoi gemiti sensuali.

“Ohh… Ma tesoro…” gemette dolcemente.

Mentre le torcevo, le mie labbra non lasciavano le sue labbra e si spingevano più in profondità, occasionalmente la mia bocca succhiava la sua lingua dentro e fuori. Successivamente, con movimenti lenti, ho aperto la sua maglietta bianca e subito la mia bocca ha tracciato il suo seno e si è conclusa con i suoi capezzoli leggermente sporgenti. Ho infilato la lingua proprio sulla punta del suo seno, cosa che l’ha fatta contorcere e gemere di nuovo.

“Ohh… Mas caro… Così delizioso.”

Per un momento ho smesso di baciarlo e ho ripreso a tenergli le guance sussurrando parole.

“Tesoro… i tuoi seni sono davvero belli,” le sussurrai dolcemente all’orecchio.

La ragazza si limitò a sorridere dolcemente mentre mi abbracciava di nuovo teneramente. Invitai affettuosamente la ragazza ad incamminarsi verso la sua stanza che era abbastanza ampia e pulita. Era come la stanza di una ragazza, arredata con cura e quando entrai respirai il profumo fresco dei fiori nel giardino davanti alla sua stanza.

Non molto tempo dopo, ho sollevato il corpo sexy della ragazza e l’ho posizionato sul tavolo dello studio nella sua stanza. La ragazza indossava ancora i jeans, tranne la parte superiore che era già aperta mentre ci divertivamo in salotto. Ho riabbracciato lentamente il corpo della ragazza, continuando esplorando dolcemente il suo lungo collo.

Le mie labbra accarezzarono ogni centimetro della sua pelle e si mossero per un momento quando la mia lingua raggiunse il suo orecchio e fece tremare nuovamente dolcemente il corpo della ragazza. I gemiti e le vibrazioni del suo corpo indicavano che la ragazza era molto eccitata da ogni mia carezza. Le mie mani non rimasero ferme mentre le mie labbra accarezzavano ogni punto sensibile del corpo della ragazza. Le mie dita iniziarono a scendere verso i suoi jeans e senza difficoltà abbassai la cerniera dei suoi pantaloni e potei vedere il bordo della sua biancheria intima nera sexy.

Poi ho gettato i suoi jeans sul pavimento e all’improvviso le mie mani hanno afferrato delicatamente le sue natiche sode. Accarezzavo lentamente i suoi due pezzi e ogni tanto il mio dito scivolava tra i bordi della sua biancheria intima facendogli tremare nuovamente le labbra in un leggero sospiro.

“Oh… Ma tesoro…” gemette con voce rauca.

Le mie labbra, che giocavano in alto, si sono poi mosse dopo aver sentito abbastanza da stimolarle in quella zona. La mia lingua sporse delicatamente quando raggiunse la superficie della pelle sul suo stomaco terminando all’ombelico e giocò per un momento facendole rotolare in avanti.

“Ssshh..” sibilò dolcemente.

Lentamente poi ho iniziato ad abbassarle le mutandine e le ho lasciate penzolare dalle sue sexy ginocchia. Ancora una volta continuai ad accarezzarle dolcemente il bordo dell’inguine e di tanto in tanto sentii la ragazza sospirare di nuovo. Sentii un aroma caratteristico dopo che la mia lingua raggiunse la sua collina, che aveva peli neri e molto folti, ma era abbastanza ben curata, come potevo vedere a prima vista dalla forma dei suoi peli vaginali che somigliavano a un contorno triangolare.

E presto la mia lingua cominciò a leccare le labbra esterne della sua vagina facendo rotolare delicatamente la punta della mia lingua. Poi ho continuato andando più in profondità per raggiungere le sue labbra interne che erano già molto bagnate dal muco di piacere che veniva rilasciato dalla sua apertura vaginale. Il corpo della ragazza si muoveva lentamente mentre la punta della mia lingua toccava la piccola protuberanza sopra la sua vagina.

“Ohh… Mas caro,” urlò in silenzio.
“Non sono forte, fratello…” aggiunse piano.

Che ho continuato con una leggera pausa di azione. Ho abbassato il corpo della ragazza dal tavolo, poi mi sono messo proprio di fronte a lei che era già accovacciata guardando il mio pene che era già molto teso.

Con un rapido movimento delle labbra la ragazza ha immediatamente succhiato dolcemente la punta del mio pene, ha fatto rotolare la lingua nella sua piccola bocca e ha girato la punta lucida del mio pene. Il mio corpo tremava violentemente quando riceveva tutti i movimenti erotici, a partire dalle sue morbide dita che accarezzavano l’asta del mio pene e le sue agili labbra e lingua che tracciavano i miei testicoli.

“Ohh… tesoro” gemetti piano.

Ho stretto i suoi lunghi capelli neri come espressione del piacere che scorreva in tutto il mio corpo. Dopo qualche istante la ragazza ha esplorato i miei organi sensibili, l’ho afferrata per le spalle e le ho chiesto di alzarsi e di nuovo ho fatto sedere le sue natiche sode sul bordo del tavolo mentre una delle sue lunghe gambe penzolava sul pavimento.

Con movimenti delicati ho sollevato la sua coscia sinistra e l’ho appoggiata sul mio braccio, un attimo dopo la mia mano sinistra ha afferrato l’asta del mio pene che era già molto tesa per resistere alla tempestosa stimolazione e l’ha puntata direttamente sulle sue labbra vaginali già bagnate con muco lussurioso. Allo stesso tempo, la punta del mio indice accarezzava anche lo spazio tra l’ano e il labbro inferiore della vagina.

“Oh… Ma tesoro… per favore… non lo sopporto,” urlò piano.
Ancora non rispondevo alle sue grida sommesse, invece abbassavo la testa per tornare a leccare alternativamente entrambi i seni finendo fino al capezzolo del seno sinistro. I miei movimenti lo facevano dimenare e i suoi gemiti diventavano sempre più forti.

Leggi anche: Scopando una bella e minuta vedova di un bambino

“Ohh… Ma tesoro… Ora, okay?” chiese dolcemente, con gli occhi offuscati e pieni di lussuria.
Lentamente ho puntato l’asta del mio pene direttamente verso la fessura della sua vagina e ho spinto delicatamente.
“Dormi….” il ritmo che si creava quando il mio pene spingeva attraverso le sue labbra vaginali.
Le labbra della ragazza rilasciarono di nuovo un sospiro sexy.
“Hekk.. Mmm..” mormorò piano.
Metà del mio pene era entrata nella sua vagina, cosa che combinavo con il movimento delle mie labbra che succhiavano le sue labbra carnose e torcevano e giravano delicatamente la punta della sua lingua. Per aumentare il suo piacere, ho iniziato a far avanzare poco a poco il resto del mio pene nella cavità più profonda della sua vagina e ho diretto la punta del mio pene fino a toccare il suo punto G. La bocca della ragazza mormorò piano perché la mia bocca stava ancora masticando le sue labbra.
“Mmm… Mmm” mormorò.
Trattenendo il piacere, la mano della ragazza ha toccato i miei testicoli e li ha massaggiati delicatamente, facendo vibrare il mio corpo con lo stesso piacere. I miei fianchi facevano movimenti avanti e indietro per l’ennesima volta e sembrava che la ragazza stesse per avere il suo primo orgasmo segnato dal movimento delle sue mani che mi afferravano forte le spalle e le mordevano dolcemente il labbro inferiore.
“Ohh… Ma tesoro…” urlò tremando.
Insieme al flusso caldo che sentivo dentro, la sua cavità vaginale si stringeva saldamente attorno all’asta del mio pene. Le sue mani afferrarono le mie natiche e le tirarono più strette. Non molto tempo dopo, la ragazza sorrise dolcemente e mi baciò di nuovo le labbra mentre pronunciava quelle parole.
“Grazie, fratello, caro,” disse affettuosamente.
Rispondo con un sorriso e ho detto.
“Sono felice… se il mio tesoro può godere di tutto questo,” dissi più tardi.
Solo pochi istanti dopo che la ragazza aveva avuto l’orgasmo, le ho voltato le spalle mentre le sue mani si aggrappavano al bordo del tavolo. Le ho tirato delicatamente la vita chiedendole di guardare in basso, poi ho visto davanti a me un pezzo del suo culo sexy con una fessura nella sua eccitante vagina.
Ho spostato lentamente il mio corpo in avanti mentre tenevo l’asta del mio pene e puntandola direttamente verso le labbra della sua vagina, mentre la mia gamba destra spostava la sua gamba destra per aprire leggermente di più le sue cosce. Con movimenti costanti, il mio pene si è spinto fuori poco a poco, aprendo delicatamente la sua vagina.
“Dormi….” Ho inserito metà del mio pene nella sua cavità vaginale.
“Sss..” gemette la ragazza accettando la spinta del mio pene.
Le mie mani le strinsero lentamente il seno da dietro, cominciando da sinistra e proseguendo a turno con la destra. Nel frattempo i miei fianchi iniziarono a muoversi avanti e indietro per spingersi più in profondità nella sua cavità vaginale.
Questa posizione crea una sensazione speciale in cui tutto il mio pene può toccare il suo punto G, mentre le mie mani esplorano liberamente tutti i suoi organi sensibili a partire dai suoi due seni, i capezzoli, l’ano e altre parti del suo corpo.
“Ohh… Mas caro” sospirò.
Quando le mie dita toccarono il suo ano, mi concentrai nel muovere il mio pene avanti e indietro. Dopo un po’ ho mosso i fianchi pompando la sua fessura vaginale. Con movimenti delicati avvicinai il suo viso, sempre dandomi la schiena le baciai le labbra e le strinsi dolcemente i seni.
“Tesoro, voglio uscire,” sussurrai dolcemente.
“Ohh… Ma tesoro, lo voglio anch’io,” disse piano.
Ho accelerato i miei movimenti pompando la sua vagina da dietro senza interrompere il mio bacio sulle sue labbra e stringerle il seno. All’ultimo momento le ho afferrato forte entrambi i fianchi e ho spinto il mio cazzo più in profondità.
“Creett… Ohh… tesoro,” ho urlato allora.
Il mio sperma è sgorgato parecchio nella sua cavità vaginale e alcune gocce si sono sciolte e sono scese lungo le sue due cosce. Per un po’ ho tenuto nascosto questo incidente finché alla fine il mio pene si è ristretto da solo nella sua vagina, cosa che mi ha dato un piacere che non potevo esprimere.
Ecco quanto mi manca il mio amante dopo che non ci vediamo da un po’.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *