Wednesday, July 24
Shadow

Fare sesso quando iniziano le lezioni private

Questa storia è accaduta quando ero ancora al college. Come studente laureando in inglese, è certo che la mia conoscenza dell’inglese è superiore alla media ed è considerata abbastanza buona, soprattutto se la persona che sta valutando è qualcuno che è ancora seduto in panchina.
Partendo dalla mia presentazione a questa ragazza carina, scriverò la storia qui sotto. Da quando ho conosciuto Evi, una ragazza carina e bellissima, con le ciglia ricci e le labbra rosse e sottili. Dal mio punto di vista, Evi è una ragazzina carina che piace alla vista. Forte della mia conoscenza dell’inglese, ho iniziato ad attivarmi per fornire tutoraggio gratuito a casa sua, anche su sua richiesta.

“Sorella, insegnami i compiti di inglese”, chiese con un sorriso.
“Sì, i compiti sono davvero difficili, vero?” ho chiesto casualmente.
“Sì, molti altri”
“Va bene, prendi il libro, ti insegnerò dopo,” ho chiesto mentre i miei occhi non si fermavano.

Fissando il suo viso bello e carino. Il mio cuore divenne davvero nervoso e pensieri sporchi mi attraversarono la mente. Sono nati dei progetti che hanno fatto alzare il mio uccello quando ha immaginato che la sua forma corporea iniziasse a sbocciare. Il suo piccolo petto, il suo culetto stretto. Ah, il mio uccello è appena diventato più rumoroso.

Evi abbassò rapidamente le mani e piegò la schiena in modo che il suo petto diventasse più piccolo. Apparentemente sapeva a cosa stavo prestando attenzione. Ma anche se era in quella posizione, il suo petto era ancora visibile, perché era un po’ grande. Mi sorrise, mettendomi in imbarazzo.

“Ah, no, non sono sbalordito”, risposi semplicemente. Poi ho chiesto il suo libro dei compiti.
“Wow, è un po’ difficile, devo prima guardare la mia guida”

Cercavo una scusa per essere libera di stare da sola con lui.

“Che tipo di guida?” chiese Evi.
“Le mie lezioni all’università, o semplicemente così, vieni a casa mia domani dopo la scuola, poi ti insegno finché puoi”

Ho iniziato a raccogliere le mie ragioni per intrappolarlo.

“Va bene, facciamolo domani, va bene?”

Gli ho restituito il quaderno dei compiti stringendogli la mano, Evi gli ha preso in fretta la mano con un sorriso ed è corsa verso casa sua. Prima di scomparire dietro l’angolo, mi sorrise in modo significativo. Esattamente all’una del pomeriggio Evi arrivò mentre ero sdraiato nella mia stanza. La porta della mia camera da letto è stata bussata.

“Sorella…, sorella…”

Evi ha chiamato, poi ho aperto la porta della mia camera da letto e le ho detto di sedersi sul divano del soggiorno. Mentre cambio i vestiti. Dopo aver fatto chiacchiere, ho fatto i suoi compiti e gli ho insegnato l’inglese. Il mio uccello, che era teso fin dal suo arrivo, ora cominciava a sentirsi dolorante e non potevo contare quante volte ho ingoiato la saliva quando si è chinata e ho sbirciato accidentalmente la sua scollatura.

Guardavo il suo viso ormai così vicino e sentivo il suo profumo misto a un po’ di sudore.

“Stanco..?” dissi dopo che ebbe finito di scrivere i compiti ed emisi un pesante sospiro di stanchezza.
“Si un pò…”
“Di cosa sei stanco?” Ho chiesto.
“Le fanno male le mani, scrive tutto il tempo” mentre si massaggia la mano destra.
“Ah, è delizioso, sorella,” sospirò Evi mentre si godeva il massaggio.

Sono diventata più audace nel massaggiare, dalle mani alle spalle, dalle spalle alla base del collo. Evi sembrava aver chiuso gli occhi. Sembra che Evi si stia godendo il massaggio alla base del collo.

“Non è delizioso?” ho chiesto con voce rauca.
“È così bello, sorella,” gemette Evi, facendomi diventare più duro il pene.

Ho osato aprire il primo bottone della sua camicia e lui non ha detto niente. Mi basta un bottone della camicia per vedere quanto è liscio il mundak di questo ABG. Ho fatto un massaggio lento e ho accarezzato a metà la spalla.

“Ah… è proprio bello, sorella, ho tanto sonno”

Sembrava che Evi fosse un po’ tentata dallo scherzo che le stavo giocando.

“Va bene se sei sdraiato, ti faccio un massaggio completo.” Offro servizi gratuiti.
“No, è delizioso anche così.” rispose Evi chiudendo gli occhi.

Ero incredibilmente arrapato e il mio cazzo stava già pulsando forte. Ho sentito le sue spalle e sono sceso un po’ fino alla parte superiore del petto. Ed Evi era ancora in silenzio. Mi sono messo dietro il suo corpo e ho continuato a massaggiarlo, cercando di attaccargli il pene sulla schiena. Caldo. Ho osato aprire il secondo bottone della sua camicia e lui era ancora in silenzio con gli occhi chiusi. Non ne potevo più, toccavo i suoi seni carnosi con i palmi delle mani e li stringevo dolcemente.

“Ah. “Sorella… non… essere imbarazzata, la gente lo vedrà,” disse Evi mentre cercava di tenermi entrambe le mani.

Ma Evi non si preoccupò di fermare l’attività della mia mano che accarezzava l’oggetto rotondo sul suo petto. Poi le ho baciato il collo bianco da dietro.

“Ah… sorella… sono imbarazzato di essere visto dalla gente,” disse evitando il mio bacio.

Continuavo a provare a baciargli il collo da dietro quando Evi ha cercato di alzarsi e abbracciarlo. La mia mano sinistra abbraccia il mio stomaco, la mia mano destra abbraccia il suo petto. Sembrava scioccato nel vedere le mie azioni aggressive. Ma Evi non ha cercato di evitarlo.

“Evi… sei molto bella,” mormorai con voce roca.

Evi rimase lì in silenzio. La sua mano teneva la mia che gli toccava il petto. I suoi occhi erano chiusi e la sua bocca sospirava.

“Ah… sorella…”

La mia mano destra si spostò dal suo petto verso il basso per accarezzarle la coscia. Le ho sollevato la gonna blu, ho infilato il mio uccellino nelle sue voluttuose natiche. Mi sono massaggiato il cazzo lentamente. È davvero bello. Ho aperto il terzo, il quarto e tutti i pulsanti…

Evi rimase in silenzio. La mia mano destra ha cercato di toccare la sua area proibita, ma all’improvviso lui mi ha afferrato la mano e l’ha respinta. Senza una parola corse nella mia stanza che non avevo chiuso a chiave. Sono scioccato. Ma mi sono sentito sollevato perché è corso verso la stanza. Significa…

Leggi Anche: Scopando una ragazza vergine troia e voluttuosa

Mi sono subito diretto velocemente verso la stanza mentre sistemavo la posizione del mio pene sporgente, perché non stavo usando un CD. Ho chiuso a chiave la stanza e ho visto Evi in ​​piedi davanti a un grande specchio con i suoi vestiti ancora aperti, sbottonati. Mi sono avvicinato e gli ho afferrato il viso con entrambe le mani e poi, senza parole, ho baciato le sue bellissime labbra.

“Uhm…”

La mia mano destra ha cercato di togliergli l’uniforme della scuola media. E ora puoi vedere i suoi due petti coperti da un reggiseno rosso. Non gli importava più dei miei sforzi, mi mise persino le mani intorno al collo mentre in cambio mi baciava le labbra.

Sono diventato più audace nello sbottonarle il reggiseno, mentre le accarezzavo la schiena. Intanto le mie labbra continuavano a baciare avidamente le sue labbra. Non furono pronunciate parole, solo il suono di labbra che si incontravano e il suono di respiri sempre più rapidi. Sono riuscito ad aprirle il reggiseno, ma le sue mani si coprivano il petto come se non potessero essere viste. Non mi interessa. Le ho sollevato la gonna blu e le ho accarezzato il culo mentre le infilavo il cazzo dritto nell’inguine. Ho premuto leggermente con la mano che era attaccata alle sue natiche. Evi ha anche spinto in avanti il ​​suo inguine.

“Ah…, Evi…”

Ho provato ad aprire la cerniera della gonna e con un sobbalzo la gonna è caduta a terra.

“Sorella… cosa farai senza la gonna…” la sua voce era già irregolare.
“Va tutto bene, voglio solo vedere…” risposi con nonchalance.

La mano destra di Evi si copre la vagina e la mano sinistra si copre il seno. Ma ho continuato a baciarmi casualmente.

“Evi… puoi tenerlo, fratello?” le ho chiesto mentre le toccavo le tette.
“Non puoi…?” disse con un dolce sorriso.
“Solo un po’, non so cucinare…” tubai.

Evi non rispose con le parole ma all’improvviso mi abbracciò premendo il suo seno contro il mio petto. Molto morbido. Carino. Le tenevo il seno sinistro con la mano destra e lo stringevo delicatamente.

“Ah…” sospirò Evi.

La mia mano sinistra raggiunse la cerniera dei miei pantaloni, l’aprì e…

“Sis… Eviii ha paura…” disse continuando a guardare il mio cazzo che puntava dritto verso la sua vagina ancora coperta dal CD.
“Non c’è bisogno di aver paura, è delizioso, basta assaggiarlo e ne diventerai dipendente”

Poi ho guidato la sua mano per tenere il mio cazzo.

“Ecco come appare un maschio ******…” disse Evi mentre lo teneva in mano e guardava.
“Non lo sapevi mai?” Ho chiesto.
“Finora Evi ha solo letto sugli stencil e ha solo immaginato… come sarebbe…”

Non c’è da stupirsi, ho pensato un po’ stranamente, perché da allora Evi non ha più cercato di evitare o combattere quando lavoro su di lei, a quanto pare è curiosa e vuole saperne di più sugli uomini e dimostrare la verità della storia dallo stencil che ha letto.

“Tutti i maschi hanno la forma di questo, eh…?” chiese Evi accarezzandola.
“Emmm… Shhh… Sì… Stessa cosa…” risposi godendomi la carezza della sua mano. Poi le ho baciato le tette e le ho succhiate.
“Ahhh… è delizioso, sorella…” sospirò.

La sua mano si strinse attorno al mio pene. Ho provato ad aprire il CD con la mano sinistra mentre con la destra le stringevo il sedere. Il CD è un po’ difettoso. Ma era sufficiente per mettere in mostra i folti peli attorno alla sua vagina.

“Evi… Non è delizioso…?” ho chiesto casualmente.
“È delizioso, sorella…?” rispose con gli occhi chiusi.

Poi ho infilato il mio cazzo nella sua vagina che era ancora stretta a causa della sua posizione eretta. Caldo e umido. Ho continuato a massaggiarlo avanti e indietro e mi sono sentito davvero bene. Evi è stata vista sospirare e abbracciarmi forte. Ho spinto il suo culo verso di me al ritmo delle mie spinte nella sua vagina.

“Ahh… Ahh… Ehmmm…” Evi sospirò in modo incontrollabile.

Mi sono reso conto che il mio ****** non è entrato nella sua apertura vaginale, ma ha solo strofinato l’esterno e forse il clitoride. Ma è incredibilmente delizioso.

“Sorella… io… voglio fare pipì… Ohhh… Sorella… Ohhh…” Evi emise un lungo sospiro. Apparentemente voleva raggiungere l’orgasmo, ma non lo sapeva, ecco perché ha detto che voleva fare pipì.
“Ah… Fratello… Juggaaa vuole… Oh… Shhh… Ouhhh…”

Evi lo abbracciò forte forte. Diventando sempre più stretto… Ho spinto con forza le mie natiche in avanti e le mie mani hanno spinto con forza le sue natiche. E il mio sperma è schizzato.

“Ahhh… Oh… Shhh… Eviii… Ouhhh…”

Evi non era meno entusiasta. Spinse il sedere in avanti mentre raggiungeva l’orgasmo.
“Fratello… Ahhh… Ahhh… Shhh…” Mi abbracciò forte per quasi un minuto.
“shhh… ahi… è delizioso… Viii…”

mormorai tra i suoi stretti abbracci. Il sudore colava dalla fronte e dalla schiena di Evi. Le accarezzavo tutto il corpo e le stringevo i seni e le natiche. C’era tensione che copriva il suo bel viso. I suoi occhi erano ancora chiusi godendosi i resti del piacere. Dopodiché, Evi lasciò andare l’abbraccio e si avvicinò al materasso che io chiamavo il mio letto. Lei giaceva lì con le gambe piegate e le mani unite che le coprivano il seno. I suoi occhi poi si chiusero con le labbra che sorreggevano.

Ero impegnata a cercare uno straccio per pulire lo sperma che si era rovesciato sul pavimento e i residui che erano rimasti attaccati al mio ******. Mentre pulivo ******, ho notato Evi sdraiata rannicchiata sul letto. Ah… Che bel corpo. Mi misi un pareo, lo coprii e mi sedetti accanto a lui.

“Evi… l’hai già fatto, vero? chiesi in tono interrogativo.
“Mai.” Rispose con fermezza.
“Ma sembri calmo quando sono…” dissi
“Sono curioso, sorella, è delizioso e divertente come la storia sullo stencil?”
“Non ti dispiace che ci comportiamo così?” Ho chiesto.
“Sono anche sorpreso, perché non posso rifiutare ed è difficile vietarlo.”
“Anche tu non vedi l’ora, vero?” l’ho detto con un sorriso
“Ihhh… è delizioso…” Evi mi pizzicò la coscia.
,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *