Wednesday, July 24
Shadow

Pervertiti con GM facili, belli e ricchi

Non molto tempo fa sono entrato in una nota azienda esportatrice di moda nella mia città. E la figlia del titolare dell’azienda, Anggi, si è appena laureata a Singapore, ha circa 22 anni, è bellissima e quando era ancora al liceo lavorava come modella locale. Quindi, Anggi è stata assegnata come assistente del GM (sono io), quindi il suo compito era aiutarmi durante gli studi.
Per farla breve, Anggi si è avvicinato a me e spesso mi ha raccontato storie.

“Sopiandi, cosa vogliono i ragazzi? Ehm…, a letto, voglio dire…”
“Sopi, quando sei arrapato, cosa ti piace fare?”
“Ti piace eccitarti, Sopi, quando vedi una ragazza sexy??”
Bene, questo è quello che mi ha chiesto Anggi. Francamente, le nostre conversazioni durante l’orario di lavoro sono sempre più intime e spesso sensuali.
«Non l’hai mai fatto, vero? ?.?, Ho chiesto.
“Uhm… come vuoi saperlo?”, chiese ancora.
“Sì”, ho detto.

“Beh, spesso si chiama anche bisogno biologico,” rispose arrossendo.
Anch’io sono stato sorpreso di sentire una risposta del genere. Ehi ragazzo, come osi essere così schietto?
Una volta, all’ora di pranzo, parlò con disattenzione.
“Le ragazze balinesi sono più facili da portare a letto che a pranzo”, ha detto, con uno sguardo malizioso.
“Ti piace il sesso??”, ho chiesto.
“Sono felice, ma non sono bravo a servire gli uomini”, ha detto.
“Perché?”, ho chiesto ancora.

“Sì, fino ad ora il mio ragazzo non mi ha mai chiesto di sposarlo. Anche se lo vorrei davvero.”
“Cosa vuoi??”, ho chiesto.
“Sposato”, disse ridendo.
Una volta andò in ufficio indossando abiti con il petto molto basso. Ho provato a prenderla in giro: “Wow, Anggi, sei così sexy. Posso vedere il tuo reggiseno.” Lui arrossì e rispose: “Ti piace o no??” Ho semplicemente sorriso. Ma nel pomeriggio quando entrò nella mia stanza, la sua camicia era già abbottonata con una spilla. Apparentemente anche lui era imbarazzato. Ho sorriso: “Mi piace quello.”
Una volta, dopo pranzo, Anggi si lamentò.

“Penso che il mio ragazzo mi stia tradendo.”
“Perché??”, ho chiesto.
“Non lo vediamo da quasi un mese”, ha detto.
“Allora non… quello??”, chiesi.
“Che cosa?”
“Quel… sesso”, dissi.

“Beh, no,” disse.
“Ti sei mai masturbato o no?”, ho chiesto.
È rimasto sorpreso quando gliel’ho chiesto, ma ha risposto.
“Ehm… anche a te piace masturbarti??”
“Mi piace”, ho risposto.
“Tu?”, ho chiesto.
“Ogni tanto, quando sono arrapato,” rispose onestamente ma un po’ imbarazzato.
La conversazione mi ha fatto eccitare, anche Anggi non sembrava eccitato. Il problema è che la prossima discussione sarà più trasparente.
“Anggi, vuoi farlo o no?”
“Quando?”
“Ora.”

Lui non rispose, ma deglutì a fatica. Penso che questo significhi che non vuole farlo. Bene, dopo mesi di flirt, sembra che “lo faremo e basta”.
Ho girato la macchina verso il motel che era vicino al mio ufficio.
“Sopi, sei sincero?”, chiese.
“Lo vuoi o no??”
“Non ho mai giocato con un ragazzo diverso dal mio ragazzo.”
“Quando è stata l’ultima volta che hai giocato?”
“È passato un mese.”

“Allora non sei arrapato?”
“Sì, la masturbazione… lah”, rispose, diventando più trasparente. Il suo viso era un po’ rosso, forse imbarazzato o eccitato. Francamente sono già arrapato. Questo è il punto di non ritorno. Mi sono reso conto che questo diventerà complicato. Ma… ne ho voglia.
“Allora, quando hai avuto l’ultimo orgasmo?”
“Recentemente.”
“Come?”

“Sì, stai da solo… basta, non fare domande del genere.”
“Quante volte alla settimana ti masturbi?”, gli chiesi con urgenza.
“Va bene… beh, se sei arrapato, solo occasionalmente, non molto spesso. Inoltre, di solito c’è Andree (il ragazzo, ndr).”
“Non hai invitato Andree.”
“Già.”
“E..?”

“Ha detto che era occupato, non aveva tempo. Gioca con una ragazza la prossima volta. Di solito non rifiuta mai.”
Chi rifiuterebbe di fare sesso con questo bambino? È pazzesco, Anggi si è appena laureata al college, ma sembra essere abituata al sesso quando si tratta di sesso.
“Sopi, non riesco a immaginare di giocare con altre persone.”
“Prova a giocare con me, poi saprai se ti piace barare o no.”
“Il metodo ??”

Leggi anche: La mia relazione con la mia cameriera top e brutale

“Se ti piace e riesci a sbarazzarti dei sensi di colpa, puoi giocare con altre persone. Ma se non riesci a liberarti del senso di colpa, allora non farlo più”, ho detto.
“Non penserai che sono una ragazza cattiva.”
“No, il sesso è normale. Ecco perché lo proviamo una volta. Il tuo segreto è al sicuro con me,” dissi in tono quasi persuasivo.
“Ma non sono bravo a giocare”, ha detto. Ciò significa che va bene fare sesso, ragazzo.
La mia macchina è già nella stanza del motel. Sono uscito e ho subito chiuso la saracinesca. L’ho invitato nella stanza. Senza chiederlo, Anggi si è rivelato eccitato dalla nostra conversazione di prima in macchina. Mi ha condotto e subito mi ha chiesto di sdraiarmi sul letto.

“Giochi spesso con altre ragazze, oltre alla tua ragazza, Sopi?”
“Beh, spesso, se trovi qualcuno che fa per te.”
“Insegnamelo, va bene?”
Le mie mani cominciarono a toccare il suo petto gonfio. Ho dimenticato la taglia, ma era abbastanza grande. La mia mano continuava a toccarlo. Gemette leggermente: “Shh… fa il solletico, Sopi.” Gli ho baciato le labbra e lui ha risposto. Le sue mani cominciarono a osare tenere il mio pene che si stava irrigidendo sotto i pantaloni.

“È anche grande…”, disse. I suoi occhi erano socchiusi. “Dai, Sopi, sono arrapato.” Le ho tolto lentamente la canottiera, fino a toccarle il seno, le ho tolto il reggiseno, le ho toccato i capezzoli sotto la maglietta. Uh… è indurito. Le ho tirato su la maglietta e le ho baciato i capezzoli che erano molto duri, li ho succhiati e morsi lentamente, “Ahh.. ahh.. ahh, poi Sopi.. oh solletico… ahh.. ah.”

Anggi, che è ancora giovane, parla a letto. Lui continuò a stimolarle i capezzoli, e lei quasi gridò: “Uh… Sopi… uh.” Volutamente non volevo giocare direttamente. L’ho baciata fino al ventre piatto e le ho baciato l’ombelico.
Quasi dimenticavo, il suo corpo odorava di profumo, forse Kenzo o Issey Miyake. A quel tempo i miei pantaloni erano aperti, ero nudo e tenevo il mio pene scuotendolo lentamente. Ah… delizioso. Le sue labbra cercarono e baciarono i miei capezzoli. “È delizioso… è delizioso Anggi.” La stimolazione è in aumento.

“Ahi.. basta.. non lo sopporto,” si stiracchiò e aprì la gonna lunga in modo che rimanessero solo le mutandine rosse di pizzo. Le mie labbra e la mia lingua scesero più in basso per esplorare il suo corpo, fino al suo buco del piacere (i suoi peli pubici non erano troppo spessi e puliti).
L’ho toccato delicatamente, si è rivelato bagnato. Ho baciato il suo buco bagnato del piacere. L’ho leccato e toccato con la lingua. Il buco del piacere di Anggi stava diventando più umido e lei gemeva in modo incoerente. Le sue mani si sollevavano tenendosi la testa.

Gli spostai la mano e posai quella destra sul suo seno. Lascia che si tocchi. Lei rispose torcendo i capezzoli. Ho interrotto le mie attività di baciare il suo buco del piacere. Ho dormito accanto a lui e ho scosso lentamente il cazzo. Mi guardò e sorrise,
“Sopi… mi stimoli.”
“Carino..”

“Hmm…”, i suoi occhi erano chiusi, la sua mano stava ancora torcendo il suo capezzolo rosso indurito e l’altra mano la posava sul suo buco bagnato del piacere. Si è toccato mentre mi guardava toccarmi. Ci siamo masturbati a vicenda mentre dormivamo fianco a fianco.
“Eh… eh… eh… oh, delizioso, delizioso,” balbettò.
“Gile, Sopi, lo voglio già.”
“Lasciatela così,” dissi.

Consigli e trucchi per toccare i punti di stimolazione in modo che le donne continuino ad avere orgasmi

All’improvviso si voltò e si sdraiò a faccia in giù. La sua testa era nel mio inguine e dormivo sulla schiena. Mi ha succhiato il pene, era davvero delizioso. Questa ragazza non è più una principiante. L’aspirazione è abbastanza buona. La sua mano stava ancora giocando nel suo buco del piacere. Adesso gli premeva la mano e sembrava che ci avesse infilato il dito.

“Uh… uh… Sopi, esco, giochiamo o no??”
Ho smesso di succhiarmi il pene. Ho quasi raggiunto l’apice.
“Siediti sulla mia faccia!”, ho detto.
“Non voglio.”
“Dai!”

Poi si è seduto e mi ha piazzato il suo buco del piacere proprio in faccia. La mia lingua e la mia bocca gli davano di nuovo piacere. La sua risposta lo sorprese: “Aughhh…” mezzo grido ed entrambe le mani le stringevano il seno. Ho continuato a succhiare e leccare, rendendo il suo buco del piacere sempre più umido.
All’improvviso Anggi urlò, molto forte, “Aahhh… ahhh”, i suoi occhi si chiusero e i suoi fianchi si mossero contro il mio viso. “Io… sono uscita”, continuando a scuotere i fianchi e il suo corpo sembrava sussultare. Forse questo è l’orgasmo femminile che vedo più chiaramente. E all’improvviso, del liquido uscì dal suo buco del piacere. Lo sento chiaramente, perché la mia bocca lo sta ancora baciando e leccando.

“Oh… Sopi… davvero delizioso. È morbido,” si accasciò sopra di me.
“È delizioso??”, ho chiesto.
“Molto bello, sei intelligente, vero? “Non ho mai raggiunto l’orgasmo in quel modo.”
Mi sono girato, le ho aperto le gambe e ho inserito il mio cazzo nel suo buco bagnato del piacere. Anggi sorrise, dolce e timida. L’ho inserito e non è stato troppo difficile perché era già molto bagnato. L’ho spinto verso l’alto lentamente. I suoi occhi erano chiusi, godendosi il resto del suo orgasmo.
“Con quanti uomini hai giocato, Anggi??, ho chiesto.
“Due, con te.”
“Se ti masturbi, da quando?”
“Dal liceo.”

I suoi fianchi ora seguono il ritmo in cui inserisco e inserisco il mio pene nel suo buco del piacere. “Sopi, Anggi vuole tornarci.” Uh, si è eccitato molto velocemente. E dopo circa 3 minuti, accelera i suoi movimenti e “Uhh… Sopi… Anggi è uscito di nuovo…” Ha ripreso a sussultare, anche se non così forte come prima.
Non potevo più trattenere la stimolazione, ho tirato fuori l’asta del mio pene e gliel’ho infilato in bocca.

Lo masticò e lo scosse velocemente. E “Ahhh…” il mio orgasmo ha spruzzato sperma sul suo viso e parte di esso è entrato nella sua bocca. Inaspettatamente, ha continuato a schiacciarmi i genitali e a leccarmi lo sperma. Anche questo ragazzo è pazzo.
Dopo che mi sono sdraiato e ho detto:

Anggi, fai l’amore così bene.
“Anche tu”, sorrise la sua bocca.
Poi disse di nuovo: “Non penserai che Anggi sia cattivo, vero, Sopi.”
Ho sorriso e ho risposto: “Ti è piaciuto o ti senti in colpa adesso”.
Esitò un attimo, poi rispose brevemente:
“Carino..”

“Beh allora sei davvero cattivo”, dissi scherzosamente.
“Uhh… perché…” L’ho abbracciato e ci siamo addormentati.
Dopo esserci svegliati, abbiamo fatto la doccia e ci siamo vestiti al motel. Poi torna in ufficio. Ancora oggi ogni tanto ci fermiamo al motel.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *